lunedì 12 gennaio 2015

Bracbah - La pergamena della tribù Kew-Akon

«Non scorderò mai come venni in possesso di questa pergamena» esclamò improvvisamente Ahsdì, mentre stavano attraversando gli scaffali per uscire dalla zona segreta della biblioteca.
«Quale pergamena?!» borbottò dubbiosa Tala.
«Questa!» disse Ahsdì mentre la prendeva dallo scaffale.  «E’ antichissima. Il capo della tribù di Kew-Akon me la donò in segno di amicizia e di coraggio».
«Di coraggio?»
«Che fai prendi in giro un vecchietto?» disse sorridendo. «Ora ti racconto…»

Qualche giorno dopo la partenza di Danyĕħl, decisi di seguire il suo consiglio e partii verso le Terre del Sud alla ricerca di nuove reliquie. E dopo tanti giorni di viaggio in solitario, mentre mi riposavo su un costone di roccia che si affacciava sul grande mare, d’improvviso udii l’eco di un canto lontano accompagnato da una melodia triste, le cui parole erano incomprensibili. Sembravano dei canti antichi. Pervaso da una strana e immensa curiosità, presi la bisaccia, raccolsi la mia roba e cercai di seguire i suoni fino alla fonte. Ero come ipnotizzato da quel canto. Abbandonai la costa e mi addentrai nel deserto senza pensare di essere in pericolo e di finire nella trappola di qualche demone. Più camminavo nel deserto e più il suono diventava forte e nitido fin quando, al calar del sole, dietro ad una grossa duna, riuscii a scorgere un piccolo accampamento di tende.
Stavo per avanzare silenziosamente quando sentii una voce alle mie spalle. Solo in quel momento capii di essere stato uno stolto ad essermi avventurato nel deserto senza pensare che da anni era diventato la terra dei demoni. Avevo il cuore in gola, non sapevo cosa fare. La voce mi ordinò di voltarmi, così, dopo qualche altro attimo di esitazione, obbedii.
Avevano i volti coperti da grandi maschere demoniache, ma le loro mani e i loro piedi appartenevano a degli umani, così cercai di tranquillizzarmi. Subito mi privarono delle mie cose e mi condussero al loro accampamento. Non opposi resistenza.

I guerrieri che mi avevano trovato mi scortarono fino alla tenda più grande di tutte. Lì ebbi modo di notare che l’ingresso era sorvegliato da due guardie, e che questi non indossavano la maschera. Avevano uno sguardo penetrante e delle armi enormi.
Attraversato l’ingresso, la musica che mi aveva suggestionato si interruppe immediatamente. Raggiungemmo uno spazio ampio della tenda che faceva da atrio a una zona più piccola che veniva separata da una tenda sottile e colorata di rosso.
«Chi sei straniero? Cosa ci facevi ai bordi del nostro campo?» mi domandò un’ombra che comparve dietro la tenda.
Con mio stupore riuscii solo a pronunciare qualche parola sconnessa. Poi il mio sguardo fu catturato dai miei guardiani che si inginocchiarono levandosi le maschere. Erano tutte donne.
Poco dopo la tenda si aprì ed entrò un ragazzo, forse della mia stessa età, tutto ornato da vesti pregiate e dalla corona. Intuii che doveva essere il loro re o il capo tribù.
«Il destino ha voluto farti conoscere il popolo degli Kew-Akon» disse una voce piena.
Senza rispondere mi inginocchiai, ma lui fece un cenno con le mani indicandomi di alzarmi.
Come mi alzai dissi che non era stato il destino ma i loro canti che mi avevano attirato a loro.
Ed egli mi rispose: «Straniero, quei canti servono a propiziare l’arrivo degli spiriti per cacciare via i demoni delle nostre terre».
Con un po’ di timore gli risposi che gli spiriti avrebbero presto mandato un loro guerriero per uccidere i demoni.
«Quindi conosci gli spiriti? Sei uno stregone?» mi domandò stupito.
«Sono uno studioso di pergamene e vengo da lontano. Nelle mie terre il guerriero degli spiriti ci sta liberando dalle forze demoniache» risposi vagamente, cercando di non portare troppo entusiasmo.
«Bene» rispose con soddisfazione. «Canteremo più forte così che possa sentire il nostro aiuto e liberarci per primi».
Subito dopo le guardie uscirono dalla tenda, i canti ripresero sempre più forti, poi entrammo in una piccola tenda e iniziai a conversare con il capo Kaus. Per tutta la notte lo ascoltai e appresi molte storie e leggende su di loro e sui loro spostamenti per sfuggire ai demoni. La loro era una grande tribù che aveva eretto Kisora, la più antica città delle terre del sud. Poi l’arrivo dei demoni fantasma li ha resi nomadi.
Tra le tante leggende, fui colpito da quella sulla pergamena del coraggio: parlava di una prova interiore e fisica, una sorta di passaggio da bambino ad adulto. Il mio punto debole era sempre stato il coraggio, anche quando trovai il libro degli gnomi ebbi molte difficoltà, così decisi di chiedere di superare quella prova. Kaus apprese la mia richiesta con molta gioia e immediatamente mi fece visitare l’accampamento fino a che entrammo in una tenda molto particolare. Ecco che all’interno vi trovai numerosi vasi che emettevano un fumo denso e inebriante. Kaus mi fece inginocchiare al centro del cerchio, mentre sei donne mi roteavano intorno cantando una preghiera incomprensibile. Col passare del tempo gli occhi si facevano sempre più pensati e la voce del capo tribù diventava sempre più ovattata. Improvvisamente mi accasciai al suolo e mi ritrovai in una grotta buia.
Feci qualche passo in avanti e vidi qualcosa muoversi nel buio. Era terrificante. Il mio cuore batteva fortissimo quasi mi saliva in gola. Non sapevo cosa fare così mi feci coraggio e andai avanti. Poco dopo entrai in una grotta ancora più grande e scoprii una pianta imponente. Era carnivora e le sue fauci erano pronte a uccidermi. Mi guardai intorno e vidi i cadaveri di altri esseri che avevano tentato la prova del coraggio. Decisi di strappare la spada ad un cadavere, fiancheggiai il muro molto lentamente, evitando che i tentacoli di quel mostro potessero catturarmi. Quando mi chinai per impugnare la lama vidi il baule della pergamena sotto le radici di quella pianta carnivora. Non c’era verso. Avrei dovuta ucciderla. Raccolsi anche un rosso pezzo di legno e lo lanciai come una grossa lancia. La pianta carnivora si avventò contro di me, ma con un grosso balzo mi gettai sulla mia destra, roteai per terra e con la spada gli tagliai due tentacoli. Una volta sotto le radici, sferrai un fendente dritto al centro delle sue fauci tagliando in due la sua lingua viscida e velenosa. La pianta crollò in terra e iniziai subito a tagliare le radici per liberare la pergamena.
Quando ebbi la pergamena tra le mani mi risvegliai nella tenda. Ero solo e i vasi non emettevano più fumo. Mi alzai tutto dolorante e lentamente mi affacciai fuori. Era l’alba.
Rimasi nell’accampamento dei Kew-Akon per molto tempo e mi sembrò essere infinito. Un giorno, decisi che era giunto il momento di fare ritorno a casa e il capo tribù prima di partire mi donò la preziosa pergamena del coraggio. Kaus mi chiese di costudirla con amore e dedizione.

«Hai mai più ritrovato Kaus e la sua tribù?» chiese incuriosita Tala.
«No, purtroppo. Feci molti viaggi in quelle zone. Andai anche alla ricerca della città di Kisora. Ma non trovai nessuno, tranne una maledizione» rispose sospirando.
«Già prima avevi accennato alla maledizione? Che ti è successo?»

«Piccola mia, questa è un’altra storia. Perciò papà è qui» intervenne una voce maschile da dietro.

Vi ricordo che "Bracbah - Il ritorno dei demoni" è a soli 0.99€ sul sito di ‪#‎amazon‬ ‪#‎kindle‬ amzn.to/23rGgTQ
Copyright © 2015 Daniele Donisi Tutti i diritti riservati All rights reserved